mercoledì 15 marzo 2017

w…w…w…wednesdays #93




"w…w…w…wednesdays" è una rubrica con la quale posso aggiornarvi sulle mie letture attuali, passate e prossime.  
Non è detto che gli aggiornamenti siano settimanali, perché non sempre leggo un libro in una settimana eh eh…
Ovviamente, se vi va, sono ben accetti i vostri interventi per condividere con me le vostre letture ;-)

Partecipare è facile, basta rispondere a queste domande:
1) cosa stai leggendo?
2) cosa hai appena finito di leggere?
3) quale pensi sarà la tua prossima lettura? 

*******

Le mie risposte (93^ puntata - mercoledì 15 marzo 2017.):

1) cosa stai leggendo?
The time-travelling cat and the Tudor treasure - Julia Jarman

2) cosa hai appena finito di leggere?
"L'ultima fuggitiva" - Tracy Chevalier

3) quale pensi sarà la tua prossima lettura?  
forse un "cozy mistery"

mercoledì 8 marzo 2017

w…w…w…wednesdays #92




"w…w…w…wednesdays" è una rubrica con la quale posso aggiornarvi sulle mie letture attuali, passate e prossime.  
Non è detto che gli aggiornamenti siano settimanali, perché non sempre leggo un libro in una settimana eh eh…
Ovviamente, se vi va, sono ben accetti i vostri interventi per condividere con me le vostre letture ;-)

Partecipare è facile, basta rispondere a queste domande:
1) cosa stai leggendo?
2) cosa hai appena finito di leggere?
3) quale pensi sarà la tua prossima lettura? 

*******

Le mie risposte (92^ puntata - mercoledì 08 marzo 2017.):

1) cosa stai leggendo?
"L'ultima fuggitiva" - Tracy Chevalier

2) cosa hai appena finito di leggere?
"The chemist - la specialista" - Stephenie Meyer
"Agatha Raisin e la quiche letale" - M. C. Beaton

3) quale pensi sarà la tua prossima lettura?  
credo un viaggio nel tempo per la monthly motif

venerdì 3 marzo 2017

Agatha Raisin e la quiche letale - M. C. Beaton



Titolo originale: Agatha Raisin and the quiche of death - 1992

Agatha Raisin, cinquantenne dal carattere difficile, decide di cambiare vita: chiude la società di PR, che le ha permesso di guadagnare un bel po’ di soldi, lascia Londra e si trasferisce nei Cotswolds, un’area di pittoresca bellezza nel cuore dell’Inghilterra. Carsely, il piccolo e perfetto villaggio dei suoi sogni, è sublime: gli abitanti sono stravaganti e gentili, il cottage comprato da Agatha è scomodo al punto giusto, abbondano i vestiti a fiori, tipo Laura Ashley, e la cordialità è un po’ di facciata. A Londra non si era accorta di non avere amici, ma giunta a Carsely si ritrova sola e isolata. Donna attiva e prepotente, Agatha non si accontenta di inserirsi nella nuova comunità ma vuole diventare anche popolare. Come fare? Partecipare a una gara culinaria. E se non si è in grado di cucinare? Andare a Londra e comprare un’ottima quiche. E se il giudice della gara muore mangiando la quiche? Ingiustamente accusata di aver provocato una morte e giustamente additata per aver imbrogliato, Agatha investiga... (www.astoriaedizioni.it)

Primo libro della serie dedicata a questa improvvisata investigatrice, Agatha Raisin, creata da Marion Chesney sotto lo pseudonimo di M. C. Beaton.
Ero curiosa di leggere questo libro perchè in generale mi piacciono le signore che si mettono ad indagare, tipo Jessica Fletcher insomma. Agatha Raisin però non ha il carattere di Jessica Fletcher. Agatha Raisin è scorbutica, abituata a comandare e a vincerla sempre. Dopo aver sognato per anni un cottage nei Cotswolds finalmente realizza il suo sogno e scopre che in realtà le manca la città, le manca il lavoro, le mancano degli amici. Ma nei Cotswolds, oltre a tutti i guai che le procura la quiche incriminata, comincia finalmente a fare amicizie. In particolare col poliziotto mezzo cinese Bill Wong, che la tiene particolarmente d'occhio e la salva da una fine atroce... Perchè, nonostante Bill le intimi di non giocare all'investigatrice, lei ovviamente fa di testa sua e scopre davvero chi ha ucciso Reg Cummings-Browne, il giudice donnaiolo, ma rischiando (stupidamente) di lasciarci le penne...
Ammetto che ho trovato un po' spocchioso il personaggio di Agatha, almeno all'inizio, dopo si è rivelata anche divertente, ironica, anche generosa quando fa pubblicità al suo ex collaboratore Roy.
Non è un capolavoro del giallo, ma si legge abbastanza bene, la storia fila. Credo che sicuramente leggerò altri libri della serie.
Mio voto: 7 / 10

martedì 28 febbraio 2017

The chemist. La specialista - Stephenie Meyer



Titolo originale: The chemist - 2016

Lei lavorava per il governo degli Stati Uniti, per un’agenzia così segreta che non ha neanche un nome. È un’esperta nel suo campo, ma adesso sa qualcosa che non dovrebbe sapere, e i suoi ex capi la vogliono morta. Subito. Non può restare a lungo nello stesso posto, né mantenere la medesima identità per troppo tempo, e l’unica persona di cui si fidava è stata uccisa. Quando le viene offerta la possibilità di mettersi in salvo, in cambio di un ultimo lavoro, lei accetta, ma nel momento in cui si prepara ad affrontare la sfida più dura, si innamora di un uomo. E sarà una passione che può soltanto diminuire le sue possibilità di sopravvivenza. Mentre tutto si complica, la Specialista sarà costretta a mettere in pratica il suo «talento» come mai prima. In un mondo in cui i rapporti di fiducia mutano di continuo, dovrà muoversi con ingegno e astuzia per proteggere se stessa e l’uomo che ama. Stephenie Meyer ha creato un’eroina affascinante e feroce e dato vita a un romanzo potente che trascina il lettore in un vortice ad alto tasso adrenalinico: crimini, fughe, torture, giochi e doppi giochi di spionaggio, in bilico tra passioni e ragioni assolute. (www.rizzoli.eu)

Ho letto tutta la saga di twilight ed ero curiosa di vedere come era questo romanzo di altro genere. Nel complesso non mi è dispiaciuto, ma ha diversi punti un po' deboli.
La protagonista è una donna costretta continuamente a scappare e nascondersi, che ha creato un sistema di sicurezza in casa propria per riuscire a dormire qualche ora nella vasca da bagno con la maschera antigas indossata. E' una donna che conosce benissimo la chimica e che la sfrutta in ogni modo. E' una donna che controlla ogni passo che fa. Finchè conosce un insegnante gentile (e abbastanza stupido..) che è stato scambiato per un pericolosissimo terrorista e che invece riesce a farle abbassare le barriere che si era creata, ritrovandosi però immischiato in una situazione ingarbugliata in cui lo ha gettato il fratello gemello scomparso anni prima.
Ne viene fuori un interessante mix di personaggi ben caratterizzati: Alex (che oggi si chiama così, ma ha cambiato tanti nomi e sempre nomi che possano essere sia maschili che femminili), l'ingenuo Daniel e il suo gemello Kevin (ex agente della cia, super organizzato anche lui). E' interessante anche il personaggio della prostituta. E ovviamente, la serie di cani che fanno da co-protagonisti. Molto divertenti alcuni dei battibecchi tra Alex e Kevin.
La storia è interessante, anche se in alcuni punti mi sono un po' persa. Alcuni paragrafi sono anche troppo specialistici e non mi hanno appassionato più di tanto. Si vedeva che aveva fatto un'opera di ricerca, ma i concetti non li ha espressi in modo troppo chiaro.
Il ritmo adrenalinico è abbastanza altalenante. Ci sono punti in effetti ricchi di azione (alcuni un po' confusi), ma altri decisamente lenti. Probabilmente, se avesse tagliato alcune delle cinquecento e oltre pagine, non ci avrebbe perso molto.
Mi aspettavo un mega finale, carico di azione e pathos, invece mi sono trovata a dirmi "ah quindi è andata così?"
Nel complesso è un bel libro, si fa leggere volentieri. Non è sicuramente un capolavoro, ma è gradevole.
Mio voto: 7 / 10

venerdì 24 febbraio 2017

E' solo una storia d'amore - Anna Premoli



Titolo originale: "E' solo una storia d'amore" - 2016

Cinque anni fa Aidan Tyler ha lasciato New York sul carro dei vincitori, diretto nella solare e assai più divertente California. Fresco di premio Pulitzer grazie al suo primo libro, coccolato dalla critica e forte di un notevole numero di copie vendute, era certo di essere diventato a tutti gli effetti un vero scrittore. Peccato che al momento le cose siano molto diverse: il primo libro è rimasto l'unico, l'agente e l'editore gli stanno con il fiato sul collo perché ha firmato un contratto e incassato un lauto anticipo per un romanzo che proprio non riesce a scrivere. Disperato e a corto di idee, prova a rientrare nella sua città natale, dove tutto è iniziato. E sarà proprio a New York che conoscerà Laurel, autrice molto prolifica di romanzi rosa, un genere che Aidan disprezza. Perché secondo lui quella è robaccia e non letteratura. Senza contare che chiunque al giorno d'oggi è capace di scrivere una banale storia d'amore. O no? (www.anobii.com)

Innanzitutto, devo ringraziare la casa editrice Newton Compton che mi ha omaggiato una copia di questo libro. 
Ammetto che quando l'ho visto mi sono detta "oddio, un libro sdolcinato?". In genere sono quelle letture che lascio ai mesi estivi, ma in effetti dopo alcune letture "impegnative" nel mese di gennaio, l'ho letto volentieri.
Che dire? Mi è piaciuto. Chiaramente sappiamo come finirà la storia, ma l'intera trama è stata interessante. Anche perchè, oltre alla vera e propria storia d'amore tra i due personaggi, l'autrice ne approfitta per tirarsi fuori alcuni sassolini dalla scarpa. Ad esempio, il pregiudizio sui romanzi di genere rosa, spesso considerati facili al punto che chiunque potrebbe scriverli. Oppure il fatto che, comunque, nel mondo dell'editoria, l'essere uomo o donna porta, ancora, a discriminazioni.
I personaggi sono ai due opposti. Lei è la perfettina, che deve avere tutto sotto controllo e schematizzato, che addirittura piega i vestiti quando se li toglie per fare sesso. E' assolutamente poco romantica per essere una che scrive valanghe di romanzi rosa.
Lui, è uno sbruffone, pieno di sè ed impulsivo; ha vinto un pulitzer che gli ha creato un blocco dello scrittore, e si crede troppo superiore per scrivere un romanzetto rosa. Finchè qualcosa gli fa fluire le parole, e trova in Laurel la sua musa, senza la quale non riesce a scrivere. Chiaramente, senza saperlo, stanno scrivendo lo stesso romanzo in cui, inconsapevolmente, i protagonisti sono loro stessi... ma quale sarà la fine?
Forse mi sono un po' "immedesimata" in Aidan, criticato costantemente dai genitori (caro Aidan, anche secondo me è una sciocchezza la tecnica educativa dei tuoi genitori...).
La cosa che ho trovato un po' debole è la "doppia" scrittura, nel senso che la Premoli cambia personaggio ad ogni capitolo, ma ho avuto dei momenti in cui mi sono chiesta se parlasse lui o lei, perchè non c'erano atteggiamenti o modi di dire caratterizzanti il personaggio. Di sicuro, Laurel è un po' troppo cervellotica.
Pieno di battute sagaci e ironiche, di battibecchi tra i personaggi (divertenti anche le amiche di Laurel), pieno anche di stereotipi probabilmente, ma mi ha dato l'idea che la scelta fosse voluta.
Ripeto, mi è piaciuto; le pagine scorrevano velocemente. Una bella scoperta.
Mio voto: 8 / 10

mercoledì 22 febbraio 2017

w…w…w…wednesdays #91




"w…w…w…wednesdays" è una rubrica con la quale posso aggiornarvi sulle mie letture attuali, passate e prossime.  
Non è detto che gli aggiornamenti siano settimanali, perché non sempre leggo un libro in una settimana eh eh…
Ovviamente, se vi va, sono ben accetti i vostri interventi per condividere con me le vostre letture ;-)

Partecipare è facile, basta rispondere a queste domande:
1) cosa stai leggendo?
2) cosa hai appena finito di leggere?
3) quale pensi sarà la tua prossima lettura? 

*******

Le mie risposte (91^ puntata - mercoledì 22 febbraio 2017):

1) cosa stai leggendo?
"The chemist - la specialista" - Stephenie Meyer

2) cosa hai appena finito di leggere?
"Persepolis 2" (Marjane Satrapi) 

3) quale pensi sarà la tua prossima lettura?  
Sofocle per la classic-a-month challenge

giovedì 9 febbraio 2017

w…w…w…wednesdays #90




"w…w…w…wednesdays" è una rubrica con la quale posso aggiornarvi sulle mie letture attuali, passate e prossime.  
Non è detto che gli aggiornamenti siano settimanali, perché non sempre leggo un libro in una settimana eh eh…
Ovviamente, se vi va, sono ben accetti i vostri interventi per condividere con me le vostre letture ;-)

Partecipare è facile, basta rispondere a queste domande:
1) cosa stai leggendo?
2) cosa hai appena finito di leggere?
3) quale pensi sarà la tua prossima lettura? 

*******

Le mie risposte (90^ puntata - mercoledì 09 febbraio 2017... lo so, oggi è giovedì, ma ieri mi sono completamente dimenticata di pubblicare il post...):

1) cosa stai leggendo?
"Persepolis 2" (Marjane Satrapi) 

2) cosa hai appena finito di leggere?
"Persepolis" (Marjane Satrapi) 
"E' solo una storia d'amore" (Anna Premoli) 

3) quale pensi sarà la tua prossima lettura? una fra:
Sofocle per la classic-a-month challenge
the chemist (Stephanie Meyer) x il monthly motif